martedì 30 aprile 2013

I vincitori dei Premi TvyNovelas 2013!


Ed ecco i vincitori dei Premi TvyNovelas 2013!




  • Mejor Telenovela: "Por Ella Soy Eva", de la productora Rosy Ocampo

  • Mejor Actor Protagónico: David Zepeda, por "Abismo de Pasión" 
  • Mejor Actriz Protagónica: Victoria Ruffo, por "Corona De Lágrimas"
  • Mejor Tema de Telenovela: "Con Sólo Un Suspiro", de "Abismo de Pasión"
  • Mejor Villana: Leticia Calderón, por "Amor Bravío, Cuando Manda el Corazón"
  • Mejor Villano: Marcelo Córdoba, por "Por Ella Soy Eva"
  • Premio a La Trayectoria: Lucero
  • Mejor Actriz Coestelar: Paty Navidad, por "Por Ella Soy Eva"
  • Mejor Actor Coestelar: Jesús Ochoa, por "Por Ella Soy Eva"
  • Mejor Actor Juvenil: Ferdinando Valencia, por "Por Ella Soy Eva"
  • Mejor Actriz Juvenil: Livia Britto, por "Abismo De Pasión"
  • Mejor Conductora de TV: Alejandra Espinoza, de Univision
  • Homenaje a una Vida de Telenovela: Jacqueline Andere
  • Mejor Primera Actriz: Blanca Guerra, por "Abismo De Pasión"
  • Mejor Primer Actor: Alejandro Camacho, por "Abismo De Pasión"
  • Mejor Actriz De Reparto: Raquel Olmedo, por "Abismo De Pasión"
  • Mejor Actor De Reparto: Flavio Medina, por "Amor Bravío"
  • Revelación Femenina: Cassandra Sánchez Navarro por "Corona De Lágrimas"
  • Revelación Masculina: Axel Ricco por "Corona De Lágrimas"
  • Reconocimiento A La Trayectoria de un Show: "Despierta América"
  • Lanzamiento del Año Televisa: Jessica Gallegos (Grauada del Centro de Educación Artística, CEA)
  • Mejor Adaptación de Guión: Marta García y Denisse Pfeiffer, por "Amor Bravío"
  • Mejor Programa Especial: "Festival Acapulco"
  • Mejor Programa De Variedades: "Hoy", de la productora Carmen Armendáriz
  • Reconocimiento A La Trayectoria: Raul de Molina
  • Mejor Director de Escena: Benjamín Cann, por "Por Ella Soy Eva"
  • Mejor Programa de Entretenimiento: "La Rosa De Guapalupe"

martedì 23 aprile 2013

Articoli: Lola Ponce e Aaròn Dìaz


Articoli: Speciale Premi TvyNovelas 2013



Ecco i candidati per i premi "TvyNovelas 2013".... 











Chi vincerà?

Angélica Vale battezza suo figlio

Sabato 20 aprile l'attrice Angélica Vale e il compagno Otto Padròn hanno battezzato la loro figlioletta, Angélica Masiel, nell'antica basilica della Vergine di Guadalupe.
Padrino della piccola l'attore Jaime Camil, coprotagonista della Vale in "La fea mas bella".









giovedì 18 aprile 2013

La sigla de "La Tempestad"




Saranno Christina Aguilera e Alejandro Fernández a cantare la sigla della nuova produzione Televisa, "La Tempestad", con William Levy e Ximena Navarrete.
Non è la prima volta che la Aguilera canta in spagnolo e il pubblico messicano la ama molto, e
Alejandro Fernández, come ben sappiamo, ha realizzato molte colonne sonore per le telenovelas, come "Mañana es para siempre", "No se me hace fàcil" (Tormenta en el paraìso), ecc...
Non ci resta che aspettare l'inizio della telenovela e ascoltare questa canzone.
Nel frattempo vi lascio con il primo spot andato in onda su Televisa.








Prossimamente

Prossimamente approda qui sul blog di Telenovelas Mania, la rubrica dedicata agli errori nelle telenovelas! Non perdertela!


martedì 16 aprile 2013

La cucina nelle telenovele: Knishes de Papa (Graduados)

Salve amici, oggi voglio proporvi una ricetta gustosissima che è stata preparata nella serie "Graduados", dal personaggio di Dana, ossia i Kenishes de papa.




INGREDIENTI:
250 gr di farina 00
2 cucchiai di olio
100 cl di acqua tiepida
1 pizzico di sale

Per il ripieno:

4 patate medie
2 cipolle
Sale e pepe qb

PROCEDIMENTO:
In una ciotola mescolate l'olio con l'acqua tiepida e il sale, aggiungendo poco a poco la farina continuando a girare per ottenere così una pasta liscia e morbida.
Lasciate riposare nel frigo per mezzora.

In una pentola con dell'acqua bollite le patate con tutta la buccia. In una padella con un filo d'olio soffriggete le cipolle tagliate finemente.
Pelate le patate e preparate un purè, aggiungete le cipolle, il pepe e il sale, mescolando bene.
Su una spianatoia infarinata stirate la pasta molto sottile fino a quando non diventa quasi trasparente.
Tagliate dei cerchi nella pasta di circa 10 cm, e mettete al centro del cerchio un po' del ripieno. Arrotolate come se fosse un cannellone e poi formate una ciambellina e chiudete spennellandola con un po' d'olio.

Poi disponete i knishes su una teglia da forno oliata e spennellateli con dell'uovo e spolverateli con semi di sesamo e papavero.
I knishes sono pronti quando sono belli dorati :)


Buon appetito!




lunedì 15 aprile 2013

Trama completa - "Cobras & lagartos"


 




(trama a cura di Marianna. Si prega di non copiare il contenuto in altri siti, grazie!)

La telenovela è ambientata a Rio de Janeiro dove Omar Pasquim (Francisco Cuoco), un uomo che da giovane ha lavorato duramente come impiegato in un negozio di proprietà della famiglia di Otaviano (Herson Capri), gestisce la "Luxus", un negozio che vende abiti e gioielli esclusivi, animali esotici, aerei e automobili di lusso.
Milu (Marilia Pera), sorella di Omar, è una donna viziata e piena di risentimento che vive con i soldi del fratello, senza contribuire minimamente alle spese di famiglia.
Milu ha due figli, Leona (Carolina Dieckmann) e Tomas (Leonardo Miggiorin), che ha cresciuto a sua immagine e somiglianza, viziati, ambiziosi e invidiosi.
Omar scopre di essere malato e di avere pochi mesi di vita.
La tragica diagnosi lo preoccupa molto, anche per quanto riguarda l'eredità.
Il milionario decide, perciò, di cambiare identità e scoprire chi delle persone che lo circondano sia degno di ricevere la sua fortuna.
Così Omar diventa Vicentino Pereira, addetto alle pulizie nel negozio di sua proprietà, e inizia la sua ricerca per scrivere il suo testamento.
Omar ha una nipote, la bella e generosa Bel (Mariana Ximenes), figlia del suo defunto fratello Sami.
Omar ammira molto la nobiltà d'animo della giovane ragazza e soprattutto la sua passione per la musica.
L'unico a sapere del suo travestimento è Jair (Milton Gonçalves), maggiordomo di Omar da più di 30 anni e suo fedele amico.
Un giorno, travestito da Pereira, Omar viene quasi assalito da un gruppo di delinquenti e viene salvato da Duda (Daniel Oliveira), un giovane motoboy.
Dall'incontro nasce una grande amicizia e l'uomo scopre di avere molte cose in comune con il ragazzo.
Infatti, come il milionario, Duda è orfano e ama la musica.
Il ragazzo è preoccupato per il suo nuovo amico, che ai suoi occhi è un povero signore che ha bisogno di lavorare come addetto alle pulizie per sopravvivere, e decide di ospitarlo a casa di sua zia Silvana (Totia Meireles), proprietaria di un negozio di profumi ed essenze a Rio.
Omar pensa che Duda sia un ragazzo dal cuore d'oro e un perfetto compagno per sua nipote Bel.
Un giorno Omar trova nella stanza di Duda, un ritratto della nipote, quadro che ha comprato da un'artista di strada perché rimasto affascinato dalla bellezza della ragazza.
Così, grazie ad Omar, Duda conosce di persona Bel ma viene a conoscenza della sua relazione con Estevao (Henri Castelli), un ragazzo interessato solo alla fortuna dello zio di lei.
Con Omar Estevao si comporta sempre bene, è educato, rispettoso e generoso, ma quando il milionario si traveste da Pereira, viene fuori il suo vero carattere, ossia quello di parassita e superficiale.
Estevao, inoltre, ha un'amante, Leona, donna bella e sensuale, che finge di essere amica di Bel.
Leona lavora come addetta al reparto vendite del negozio di moda della Luxus e non accetta il fatto che Bel sia la nipote preferita di Omar.
Per questo, ambiziosa come è, fa di tutto per spillare soldi allo zio.
Omar, dopo essere stato ferito da Leona, cade al suolo nel magazzino della Luxus, e la perfida ragazza, con la complicità di Estevao, decide di approfittare della situazione per incendiare il locale e sbarazzarsi per sempre di lui.
Con la morte di Omar, il testamento viene aperto e, con grande sorpresa di tutti, metà della sua fortuna viene destinata a Bel e l'altra metà allo sconosciuto Daniel "Duda" Miranda.
Il caso vuole che Foguinho (Lazaro Ramos), ragazzo ignorante ma molto furbo e sveglio, figlio di Shirley (Elizangela) e Ramires (Ailton Gonçalves), abbia il suo stesso nome e, per una disastrosa confusione, eredita il patrimonio di Omar.
Da questo momento la vita di Foquinho si trasforma completamente: tutti coloro che lo prendevano in giro, ora lo stimano e lo trattano con rispetto.
Anche Ellen (Tais Araujo), la donna bella e ambiziosa della quale è innamorato e che sempre lo ha disprezzato, si dichiara pazza d'amore per lui.
Bel, intanto, sente di amare Duda ma è promessa ad un altro e tenta di controllare i suoi sentimenti.
Leona, percependo l'interesse della cugina, si impegna per togliere dal suo cammino il ragazzo, per farla avvicinare ad Estevao che, completamente innamorato di lei, fa tutto quello che le ordina di fare.
Estevao è figlio di Otaviano, l'uomo che aveva messo nelle mani di un semplice impiegato, Omar, tutto il suo patrimonio. 
Inoltre, Omar ha avuto in passato una relazione con Teresa (Cassia Kiss), madre di Estevao, che rifiutò e fece impazzire, rinchiudendola in un manicomio.
La donna fuggì dall'ospizio e iniziò una nuova vita con un nuovo nome, Henriqueta, e, qualche tempo dopo, trovò un bambino abbandonato per strada, Sushi (Matheus Costa) che decise di adottare.
Otaviano ha, invece, sposato Celina (Angela Vieira), con la quale ha avuto due figlie: Leticia (Cléo Pires) e Julia (Luiza mariani).
Per queste ragioni, Estevao, è deciso a riprendersi quello che gli spetta e a vendicarsi di Omar, il quale gli ha rubato i soldi e la felicità.
Foguinho, intanto, sa di non essere il Daniel Miranda nominato nel testamento da Omar, ma non rivela a nessuno la verità.
Prima di morire, Omar aveva chiesto al giovane di consegnare una lettera a Silvana nella quale chiariva tutta la verità sull'identità di Pereira, dichiarava il suo amore a lei e parlava della fortuna che aveva intenzione di consegnare nelle mani di Bel e Duda.
Foquinho non riesce a confessare la verità ed è sedotto dalla vita di lusso e ricchezza che non ha mai potuto avere, con tutti ai suoi piedi.
La trama ha una svolta quando Leona si innamora di Duda e comincia a frequentarlo.
Estevao è fuorioso e pieno di gelosia e odio, e Bel non capisce perché sua cugina le ha fatto una cosa simile fidanzandosi con Duda, ragazzo che aveva sempre criticato.
Per conquistare l'amore di Duda, Leona ha una trasformazione: comincia a vestirsi come Bel e a comportarsi come lei.
Duda, che non riesce ancora a dimenticare Bel, non riesce a portare avanti la relazione con Leona e vuole lasciarla.
Ma, dopo aver scoperto che la ragazza è l'amante di Estevao, decide di stare al gioco e smascherarla.
Infatti Bel scoprirà il tradimento di Estevao e Leona, dichiarando il suo amore per Duda e promettendo di vendicarsi.
Foguinho, vedendo quanto successo a Bel, si sente in colpa per aver nascosto la verità grazie alle continue apparizioni del fantasma di Omar, che gli chiede di porre fine alla farsa e confessare tutto.
Prima che il ragazzo riveli la verità, però, Estevao entra in possesso della lettera di Omar e ricatta sia lui che Ellen.
Leona, intanto, scopre di essere incinta di Duda, ponendo fine al rapporto del ragazzo con Bel.
Duda scopre che Omar e Pereira sono la stessa persona e che l'eredità del milionario è sua e non di Foguinho.
Leona, nel frattempo, diventa una maniaca della pulizia e impazzisce giorno dopo giorno.
Dopo aver dato alla luce suo figlio, lo porta insieme al padre alla Luxus e incendia il negozio rinchiudendoli dentro e brindando con lo champagne.
Duda riesce a scappare con il bambino, ma Leona e Foguinho, che erano nell'impresa, muoiono.
Ellen soffre molto per la morte di Foguinho e capisce di amarlo davvero, pentendosi di tutte le cattiverie commesse.
Foguinho resuscita dopo aver incontrato Omar in paradiso, si riconcilia con Ellen e i suoi felici, si occupano di gestire un negozio di profitteroli.
Estevao muore assassinato da Madà, al quale doveva molti soldi che non gli aveva mai dato.
Liberi da tutti i "cobra" che li circondavano, Bel e Duda tornano insieme felici.
La ragazza rimane incinta di due gemelli e, insieme al piccolo Daniel junior, formano una bella famiglia.
(trama a cura di Marianna. Si prega di non copiare il contenuto in altri siti, grazie!)

domenica 14 aprile 2013

Questione di... odore!

Oggi vi racconto una notizia curiosa e un po' buffa che sta circolando sul web.
I protagonisti della nuova telenovela di Televisa "Corazòn indomable", Ana Brenda e Daniel Contreras, hanno fatto parlare molto di sé riguardo ad una loro lite sul set per via del cattivo odore!
Anche se davanti alle telecamere sono ottimi amici e hanno molto feeling, nella realtà non si sopportano.
Ana Brenda ha affermato che Daniel Contreras ha un nauseabondo alito che rende quasi impossibile baciarlo.
Per questo l'attrice ha chiesto in malo modo al suo partner nella novela di usare delle pastiglie per l'alito prima di girare le scene più intime.
Daniel Contreras, furioso, ha affermato che anche Ana Brenda soffre di problemi simili!
Addirittura ha raccontato che durante una scena a letto con lei, emanava un terribile odore di sudore che ha dovuto sospendere le riprese dicendo: "Qui c'è qualcuno che sta sudando molto!" senza però nominare Ana Brenda, facendo finta di rivolgersi ai cameraman.
Che fare quando ci sono questi problemi sul set? Riusciranno a lavorare serenamente senza discutere?


Jorge Alberti operato d'urgenza!


Venerdì 12 aprile l'attore Jorge Alberti è stato operato d'urgenza per un improvviso dolore addominale mentre era in vacanza a Puerto Rico con sua moglie Katia e sua figlia.
L'attore è stato ricoverato alle 6 del mattino del venerdì all'ospedale dell'Università di Puerto Rico.
I dolori sono iniziati fin dall'alba e i medici hanno scoperto che Alberti aveva un'ernia e che doveva essere al più preso operato.
Dopo due ore, l'operazione è andata bene e ora è a riposo in attesa che si rimetta del tutto.
In bocca al lupo!




sabato 13 aprile 2013

Novità dal mondo delle telenovelas: "El Señor de los Cielos"

Lunedì 15 aprile inizia su Telemundo una nuova produzione, "El Señor de los Cielos", telenovela che ci farà vivere altre avventure legate al traffico di droga, grazie ad un altro boss del Sud America, dopo il grande successo di "Pablo Escobar".



La novela è ispirata alla storia di un personaggio realmente esistito, Amando Carrillo Fuentes, noto come "Il Signore dei cieli" per la sua poderosa flotta di aerei che usava per il traffico di droga. 

TRAMA:
Damiàn Torres è un uomo di umili origini che sogna di poter un giorno diventare ricco e ottenere tutto ciò che non ha mai potuto avere. Grazie alla sua ostinazione e caparbietà, Damiàn da contadino povero diventa un potente trafficante di droga.
Il suo personaggio incarna ciò che la natura umana è capace di fare pur di raggiungere i propri obiettivi, spinta dall'impulso irrefrenabile di potere e ricchezza. La vita di Damiàn diventa ben presto una lotta per la sopravvivenza poiché si crea non pochi nemici e perchè è ricercato dalla polizia.
Per questo decide di iniziare una nuova vita e diventare un uomo nuovo sottomettendosi ad una ricostruzione facciale....

CAST:

Rafael Amaya - Aurelio Casillas
Fernanda Castillo - Mónica Robles
Ximena Herrera - Ximena Letrán
Rodolfo Valdés - Alejandro Negrete
Angélica Celaya - Eugenia Casas
Gabriel Porras - Marco Mejía
Carmen Villalobos - Leonor Ballesteros
Andrés Parra - Pablo Escobar
Javier Díaz Dueñas - Don Cleto Letrán
Sara Corrales - Matilde Rojas
Guillermo Quintanilla - Isidro Robles
Julián Arango 
Robinson Diaz 
Fernando Solórzano
Raúl Méndez - Chacorta
Lisa Owen - Doña Alba
Arturo Barba - El Turco
Marco Pérez - Guadalupe Robles
Juan Ríos Cantú - General Jiménez Arroyo
Rocío Verdejo - Doris
Fabián Peña - Linares

TRAILER:




Get the look: Rossetto MAC "Salve Jorge"

Salve amici! Rieccoci con la rubrica dedicata ai look nelle telenovelas! Oggi vi propongo il look di Claudia Raia nella telenovela "Salve Jorge" e in particolare il makeup che ha usato per interpretare il personaggio di Lìvia.



La Raia indossa il  rossetto MAC della linea "Fashion Sets" che si chiama "Girl About Town", un colore molto di moda, diventato subito un must in Brasile e non solo.
La Mac è una marca famosissima del mondo del makeup ed è abbastanza costosa. Per questo vi propongo delle alternative più economiche. Ecco a voi i dupes:




  • Rossetto Avon - Color trend - Doll Pink
  • Maybelline - Color Sensational Vivids - Hot Plum
  • L'Oreal - Color Riche Accords Intenses - 288 Intense Fuchsia

Per quanto riguarda il trucco viso, Claudia Raia utilizza una base del suo colore di pelle e una terra non troppo scura per il contouring. Come ombretto utilizza tre tonalità di marrone, una scura, una media e una chiara tendente al panna. La più scura vicino all'attaccatura delle ciglia e via via quelle più chiare sfumate tra di loro fino all'arcata sopraccigliare dove utilizza un panna. La matita è rigorosamente nera e il mascara anch'esso nero e incurvante.
Come potete notare, il trucco occhi è molto soft e naturale, questo perché quando si indossa un rossetto molto acceso, è preferibile  non esagerare con i colori :)
Alla prossima!






giovedì 11 aprile 2013

Araguaia - Trame complete


La telenovela è ambientata in Brasile nel 1845, durante la Rivoluzione Farroupilha, nel Rio Grande do Sul.
Antonia (Alice Motta) si innamora dell'indio Apoena (Diogo Oliveira) e, durante un attacco alla fazenda dove la giovane abita, l'indio fugge insieme a lei.
Antonia rimane incinta e Apoena decide di portarla nella sua tribù, i Karuè.
Qui, l'india Iaru (Suyane Moreira), la moglie di Apoena, la quale non vuole perdere suo marito per colpa di una straniera, decide di vendicarsi.
Così chiede aiuto ad uno sciamano per lanciare una maledizione su Apoena e Antonia: tutti i figli che i due avranno, nasceranno e moriranno prematuramente vicino al fiume Araguaia.
Passano molti anni e la terribile piaga continua.
Antonia (Regina Duarte), temendo per la vita di suo figlio, Fernando (Edson Celulari), decide di consegnarlo, ancora molto piccolo, ad una sua amica, Mariquita (Laura Cardoso).
In questo modo Fernando starà lontano dal fiume Araguaia e potrà scappare alla maledizione di Iaru.
Fernando diventa un uomo bello e affascinante, che sa di avere una madre biologica nelle terre del fiume Araguaia, ma che è molto legato alla sua madre adottiva che vive a Pirenopolis, Mariquita, la quale non gli ha mai fatto mancare nulla quando era piccolo e l'ha cresciuto con tanto amore.
Un giorno, però, Fernando perde tutti i suoi soldi nelle scommesse sui cavalli, e insieme a sua moglie Estela (Cléo Pires), parte per Pirenopolis, dove vive suo figlio Solano, frutto di una relazione dell'uomo con Beatriz (Eva Wilma), e Mariquita.
Durante il viaggio consulta la veggente Tere Tenorio (Thais Garayp), che gli dice di stare lontano dal fiume Araguaia e di non tornare più.
Fernando continua il suo viaggio non ascoltando le sue parole, e ritrova la sua famiglia.
Inoltre viene a sapere che Antonia, sua madre biologica, è molto malata.
Pur non provando amore per lei e sentendo tanto risentimento per l'abbandono, l'uomo decide di raggiungerla avvicinandosi così al fiume Araguaia.
Lì Fernando ritrova Antonia che, sul letto di morte, cerca di giustificarsi per averlo abbandonato quando era ancora molto piccolo e gli parla della maledizione.
La donna gli dice di scappare subito via ma Fernando non crede alla storia e la madre muore poco dopo.
Fernando decide di rimanere nella regione e di vendere le terre di proprietà della madre per guadagnare dei soldi e coprire i suoi debiti.
Ma le terre appartengono a Max (Lima Duarte), un ricco e disonesto allevatore di bestiame, capace di qualsiasi cosa pur di ottenere ciò che vuole e difendere i suoi interessi.
Fin dalla giovinezza, l'uomo è innamorato di Antonia, ma non è stato mai corrisposto.
Per rancore, infatti, l'uomo accusò suo marito, Gabriel (Juca de Oilveira), col quale si era legata dopo la relazione con Apoena, di essere un sovversivo e lo fa scappare dalla regione, abbandonando la sua famiglia.
Max è sposato con Amelia (Julia Lemmertz) con la quale mantiene un matrimonio d'apparenza, ed è padre di Manuela (Milena Toscano) e Frederico (Raphael Viana).
Fernando, venuto a conoscenza di non poter vendere le terre della madre, decide di ritornare nel suo paese, ma è troppo tardi: poco prima di rimettersi in viaggio l'uomo muore nel proprio letto, senza nessuna causa apparente, sotto gli occhi di Estela.
Solano Rangel (Murilo Rosa), ragazzo forte e coraggioso, disposto a lottare contro le ingiustizie e l'oppressione, accusa Max di aver avvelenato suo padre e decide di rimanere in quelle terre dove conoscerà Manuela, figlia del suo nemico.
I due si innamoreranno ma dovranno affrontare non pochi ostacoli a causa di Estela, la sua matrigna, che prova una forte passione per il figlioccio.
Estela tenta di avvicinarsi in ogni modo a Solano e di conquistarlo aiutandolo nella costruzione della citta di Girassol.
Estela nasconde un passato misterioso ed è discendente della tribù dei Karue; il suo vero intento è quello di fare in modo che la maledizione continui ma non ha fatto i conti con la passione che prova per una delle sue vittime, Solano.
La donna tenterà di allontanare da sè il desiderio verso il figlioccio e consulta sua nonna Rurià (Turibio Ruiz) e le chiede il permesso di lasciare quelle terre.
La donna, però, le dice che può farlo solo quando Solano morirà e le insegna un rito indigeno per liberarsi dell'amore che prova per lui.
Nonostante questo, però, Estela non riesce a smettere di amare Solano.
Il giovane trova un libro di ricette appartenente ad Antonia, che è in realtà il diario della sua famiglia.
Così Solano scopre tutto ma non ha il coraggio di lasciare quelle terre per amore di Manuela.
Nel diario si parla anche di Estela e, curioso, il giovane chiede spiegazioni alla sua matrigna, la quale nega tutto e dice di essere cresciuta in un orfanotrofio e di non aver mai avuto contatti con la tribù.
Solano riesce a scoprire la verità quando la sorprende nel bel mezzo di un rituale karuè.
Estela gli confessa che il suo vero nome è Estrela e che è l'ultima discendente della tribù, cresciuta con la missione di distruggere gli uomini della famiglia di Solano per vendicare i suoi antenati.
La donna, però, gli rivela di essere innamorata di lui e di non poter compiere la sua missione.
Solano è sconvolto dalla rivelazione e capisce che la donna è responsabile della morte di suo padre.
Estela decide di tornare a vivere con sua nonna Ruria, tornando ad assumere le sue origini, e ruba il libro di ricette che contiene tutta la sua storia.
Solano viene a conoscenza dell'identità della sua vera madre, Beatriz. Ciò provoca molta tensione poiché entra nuovamente in scena Max, che potrebbe essere il suo vero padre.
In tal caso il giovane non può più amare liberamente Manuela, poiché risulterebbe sua sorella.
Solano decide di fare l'esame del DNA per togliersi ogni dubbio, ma Max altera il risultato per separare definitivamente sua figlia da lui.
Manuela scopre, però, la trappola e rivela a Solano che suo padre ha falsificato l'esame.
I due tornano insieme ma Estela, con la quale Solano aveva passato una notte di passione e della quale si stava innamorando, rivela di essere incinta di lui.
La notizia, però, risveglia un'altra paura: se Estela sta aspettando realmente un figlio da Solano, questi sarà un'altra possibile vittima della maledizione.
Tere Tenorio avverte Estela che c'è un modo per far finire la maledizione, ossia prendere il cordone ombelicale del bambino e farlo tagliare da Gabriel, marito di Antonia che aveva abbandonato da anni quella zona.
L'uomo torna nella terra del fiume Araguaia e riesce a tagliare in tempo il cordone ombelicale del bambino.
Max tenta di uccidere Solano e Gabriel, ma finisce in un burrone col cavallo, e muore.
Solano e Estela crescono insieme il figlio e Manuela si innamora del giornalista Rudy (Henri Castelli) e accetta di essere madrina del bambino.
(trama a cura di Marianna. E' vietato copiare il contenuto in altri siti! Grazie!)

La cucina nelle telenovele: Salve Jorge (ricetta turca)

Ed ecco per voi una nuova rubrica dedicata alla cucina nelle telenovele, uno spazio dove condividere ricette particolari che abbiamo potuto veder preparare nelle nostre storie preferite e che abbiamo curiosità di scoprire come sono state realizzate nei dettagli.
Dato il grande successo ottenuto da questa storia, vi propongo un piatto tipico turco in onore di "Salve Jorge", telenovela attualmente in onda in Brasile.


La prima ricetta che vi propongo è quella dei Mücver, delle frittelle di zucchine.




INGREDIENTI:

3 zucchine
5 o 6 cipolline
2 rametti di prezzemolo
3 uova
3 o 4 cucchiai di farina
½ mazzetto di aneto
1 bicchiere di olio d'oliva
2 piccoli peperoncini verdi (opzionale)
Sale e pepe q.b


PROCEDIMENTO:

Tagliate finemente le zucchine cotte e strizzatele nel palmo della mano per far fuoriuscire tutto il liquido. Poi tritate i cipollotti, il prezzemolo, l'aneto e i peperoncini verdi.
Incorporate le zucchine, le cipolle, i peperoncini verdi e il prezzemolo con le uova e la farina.
Battere leggermente il composto con una forchetta e poi salare e pepare.
Se il composto risulta troppo liquido, aggiungere altra farina, fino a che riuscite a prenderlo con un cucchiaio di legno senza che coli via.
Nel frattempo mettete l'olio nella padella e quando è ben caldo, formate delle porzioni aiutandovi con il cucchiaio e versateli nell'olio per friggerli.
Posizionare le frittelle cotte su della carta assorbente per eliminare l'olio in eccesso.

Potete servirli accompagnandoli con una ciotolina di yogurt bianco con della menta.

mercoledì 10 aprile 2013

Get the look: Corazòn Valiente

Ed eccomi qui a presentarvi altri look tratti da telenovele. Questa volta è il turno di Corazòn Valiente, telenovela targata Telemundo, che ha avuto molto successo di recente.

Iniziamo con il look di Adriana Fonseca, nel ruolo di Angela: 



La Fonseca indossa un paio di pantaloni neri molto aderenti, cintura sottile nera, stivali grigi fin sotto al ginocchio con zeppa abbastanza alta, maglietta bianca e giacca grigia. Uno stile sicuramente facile da riprodurre... tranne la treccia che richiede un po' di tempo e di manualità.


Qui possiamo vedere un altro look della stessa attrice, questa volta decisamente più elegante... I capelli questa volta sono sciolti. Indossa un abitino bianco lucido, sandali alti grigio e gialli e un bracciale particolare in acciaio.

Es ecco il look dell'attrice Ximena Duque, nel ruolo di Samantha:




Ed ecco il look del personaggio di Brenda Asnicar, Fabiola:







domenica 7 aprile 2013

Rassegna: "La casa delle sette donne" (parte prima)

Oggi voglio parlarvi della miniserie brasiliana del  2003, "A casa das sete mulheres" (La casa delle sette donne- Garibaldi, eroe dei due mondi), con la regia di Jayme Monjardim e Marcos Schechtmann.
Nel cast troviamo attori del calibro di Eliane Giardini, Bete Mendes, Nivea Maria e talenti più giovani come Camila Morgado, Mariana Ximenes, Samara Felippo, Daniela Escobar, Thiago Lacerda e Thiago Fragoso.




La miniserie è figlia della telenovela, è una storia più breve, generalmente prodotto "fechado", ossia i capitoli sono già stati scritti prima della messa in onda, a differenza della telenovela che può essere scritta anche durante la sua esibizione.
Di solito le miniserie si occupano di periodi storici significativi di un paese, di personaggi famosi, oppure sono delle trasposizioni di opere letterarie.
Nel caso di "A casa das sete mulheres" ci sono tutti questi elementi, poiché la storia racconta del momento storico della Rivoluzione Farroupiha in Brasile, del personaggio di Giuseppe Garibaldi ed è una trasposizione di Maria Adelaide Amaral e Walter Negrao, con collaborazione di Lùcio Manfredi e Vincent Villari, di un romanzo di Letìcia Wierzchowski .

Il libro della Wierzchowski è composto da ben 511 pagine, nelle quali, oltre a raccontare la storia della Guerra dos Farrapos, si narrano le vicende di sette donne della famiglia del generale Bento Gonçalves, leader dei Farroupilhas, che furono isolate in una Estancia lontane dalla guerra.
L'opera è divisa in 10 capitoli, ognuno dei quali corrisponde ad un anno della rivolta e, alla fine di ognuno di essi, il lettore può trovare i "Cadernos de Manuela", delle pagine scritte dalla nipote di Bento Gonçalves (realmente esistita), prese direttamente dal suo diario.


TRAMA COMPLETA*:
*non leggere se non si vuole conoscere tutta la storia e il finale.



La storia, tratta dal libro di Wierzchowski Leticia “La casa delle sette donne”, si svolge in Brasile all’epoca della Rivoluçao dos Farrapos (la rivoluzione degli straccioni) nel 1834 a cui partecipò anche Giuseppe Garibaldi.
A dirigere la rivoluzione è Bento Gonçalves (Werner Schünemann), che lascia a casa le donne della sua famiglia: la moglie Caetana, le sorelle Ana Joaquina e Maria, le nipoti Manuela, Mariana e Rosaria, e la figlia Benedetta.
Caetana (Eliane Giardini), donna forte e innamoratissima del marito, ha sette figli, Joaquim, Bentinho, Benedetta, Leao, Marco Antonio, Maria Angelica e Aninha; Maria (Nivea Maria), invece, donna fredda e prepotente e madre di Manuela, Rosaria e Mariana, si è sposata solo per volere del padre e nasconde un segreto riguardo al suo passato.
Bento e Caetana sono molto legati tra di loro e sono un esempio di coppia innamorata e felice. Ciò suscita la gelosia di Bento Manoel Ribeiro (Luis Melo), abile stratega che si schiera sia per gli imperiali che per i repubblicani. L'uomo è ossessionato dalla bella Caetana, la quale lo ha sempre rifiutato e ha fatto un patto col diavolo per poter sconfiggere i suoi rivali, senza però mai riuscire a conquistarla.
Manuela (Camila Morgado), dopo l’arrivo dell'italiano Giuseppe Garibaldi (Thiago Lacerda), se ne innamora e lotta contro la sua famiglia per potergli restare accanto, nonostante sua madre la voglia in sposa a suo cugino Joaquim (Rodrigo Faro).
Garibaldi si innamora realmente di Manuela, attratto dalla sua purezza e determinazione, ma, quando parte per combattere una nuova battaglia, si rende conto di non poter dare un futuro alla giovane, abituata alle comodità e ad una vita piuttosto serena, e quindi decide di partire scrivendole una lettera in cui le dice che il loro amore non terminerà mai ma che non farà ritorno alla Estancia....
Manuela, distrutta, tenta di andare avanti ma nel cuore porterà sempre il ricordo del suo amato Giuseppe.
Così decide di raggiungerlo a Laguna, nel bel mezzo della guerra, per cercare di stargli vicino e lì conosce Anita (Giovanna Antonelli) che nel frattempo è diventata la compagna dell'italiano.
Anna Maria de Jesus Ribeiro, chiamata affettuosamente Anita da Garibaldi, era stata costretta a sposarsi all'età di 14 anni con Manuel Duarte de Aguiar, un ubriacone schierato dalla parte degli imperiali, e, quando conosce Giuseppe, se ne innamora subito e abbandona il marito per lui.
Tra Giuseppe e Anita nasce un sentimento molto forte poiché i due condividono tutto, soprattutto gli stessi ideali e sono inseparabili.
La ragazza non ha paura di niente e combatte accanto al suo amato, rischiando anche la vita, cosa che invece Manuela non avrebbe potuto fare.
Anita rimane incinta e per volere del destino sarà proprio Manuela ad aiutarla a partorire Menotti.
Dopo varie battaglie Garibaldi si rende conto di far correre troppi pericoli alla sua famiglia e, per proteggerla, decide di andare in Uruguay con la moglie e il figlio.
Manuela torna a Pelotas, all'Estancia e sceglierà di rimanere sola tutta la vita (fino a 84 anni) continuando ad amare sempre un solo ed unico uomo, il suo italiano Giuseppe Garibaldi.
Rosaria (Mariana Ximenes), invece, si innamora i del capitano della schiera imperiale, opposta a quella di suo zio Bento, il giovane Stefano Sanchez (Thiago Fragoso).
I due si innamorano a prima vista, quando lui la salva dalle violenze di un soldato del suo schieramento, che poi ferisce.
Rosaria non fa altro che pensare a lui e sogna di poterlo sposare, ma la famiglia di oppone, essendo un ufficiale caramuru, nemico della famiglia.
Stefano viene ferito in battaglia e Rosaria, che aveva avuto un brutto presentimento, lo trova e lo porta nel capanno dell'Estancia, facendosi aiutare dalla schiava Luzia.
Dopo essersi recuperato grazie alle cure amorevoli di Rosaria, Stefano viene scoperto e, temendo per la sua vita, la ragazza, con l'aiuto di sua sorella Manuela, lo fa fuggire di notte su una barca.
Il giovane promette di tornare e Rosaria, seppur triste per la sua partenza, è sicura di rivederlo e di amarlo più di ogni altra cosa al mondo.
Intanto Maria vuole farla sposare da Alfonso Corte Real (Murilo Rosa), uno degli ufficiali di fiducia di Bento Gonçalves. Rosaria però rifiuta la sua corte e gli fa capire di essere innamorata di un altro.
Nonostante non riceva più notizie di Stefano, la ragazza continua ad aspettarlo al capanno e a spedirgli delle lettere, grazie all'aiuto di Chico Mascate (Zé Victor Castiel), un ambulante che in passato l'aveva aiutata a comunicare col caramuru.
Un giorno però, durante una battaglia, Stefano viene ucciso proprio da Corte Real (Murilo Rosa), e da quel momento la ragazza, non credendo alla terribile notizia e accecata dal dolore, vive una storia immaginaria con lui e viene rinchiusa in convento dalla madre.
Anche lì in convento, Rosaria continua a vedere Stefano e a parlarci, facendo preoccupare i familiari e le suore, fino a che si renderà conto della verità e si lascerà morire per raggiungere il suo amato.
Manuela infatti dirà che sua sorella è morta dal desiderio di morire.
Storia del tutto diversa è quella di Benedetta (Daniela Escobar), la quale conosce Ignazio (Marcello Novaes) mentre stava facendo un bagno alla cascata dopo aver accompagnato sua cugina Manuela in uno dei suoi incontri con Giuseppe Garibaldi.
Tra i due è subito amore ma il giovane le nasconde di essere sposato.
Quando la ragazza scopre che Teresa (Sabrina Greve), la sua vicina di casa debole e malata, è proprio la moglie di Ignazio, si sente in colpa e tenterà di dimenticarlo. Ma l’amore crescerà sempre di più e sarà proprio Teresa, la quale ha scoperto che il marito è innamorato di Benedetta, in punto di morte, a chiedere alla ragazza di sposare suo marito e di renderlo felice.
I due avranno una bambina, che Benedetta deciderà di chiamare Teresa, e il parto sarà assistito da Manuela.
Un'altra storia della miniserie è quella di Mariana (Samara Felipo), la più giovane delle donne, che sogna di sposarsi con Netto, soldato al servizio dello zio, ma il destino avrà in serbo per lei un altro amore.
Infatti conosce João Gutierrez (Heitori Martinez), stalliere dell' Estancia, chiamato da Bento Manuel per difendere le donne dagli attacchi dei nemici.
Mariana è catturata dalla bellezza e dalla forza del giovane e inizia a stuzzicarlo per farsi notare. Il bel mandriano le regge il gioco e finisce per innamorarsi perdutamente di lei.
Ad opporsi a questo legame sarà sua madre Maria, che vorrebbe rinchiuderla in convento insieme alla sorella Rosaria.
La ragazza, però, continua la sua relazione con João, e rimane incinta di lui.
Maria, scioccata, la rinchiude in una camera e non le permette di uscire. Antonia decide di portare sua nipote nella sua Estancia e occuparsi di lei e del bambino che sta per nascere.
Dopo vari ostacoli, proprio grazie alla relazione della figlia con il madriano, Maria riesce rivelare il suo segreto e ad aprire il suo cuore che negli anni si era riempito di troppi rimorsi e non era più capace di amare.
La donna, infatti, da giovane era rimasta incinta del suo grande amore, ma aveva abortito perché non aveva avuto il coraggio di affrontare il padre e rompere il fidanzamento con Anselmo, l'uomo che i suoi genitori avevano scelto per lei.
Repressa e molto infelice, Maria non aveva avuto più notizie dell'uomo che amava e alla fine scopre che è stato ucciso da suo padre, nonostante lei si fosse sposata con Anselmo.
Piena di sensi di colpa si riavvicina alla figlia Mariana e al nipotino che aveva sempre rifiutato.
Alla fine della guerra le vite delle sette donne saranno totalmente cambiate, ma l’amore regnerà sempre nella loro famiglia.
(trama a cura di Marianna. Si prega di non copiare il contenuto in altri siti, grazie!)

DIFFERENZE TRA LIBRO E MINISERIE:
Una delle differenze esistenti tra il romanzo e la miniserie riguarda senza dubbio la personalità delle donne della storia.
Il personaggio femminile più diverso è quello di Maria, madre di Manuela, Rosaria e Mariana, e sposa di Anselmo.
Nella miniserie Maria è una donna fredda, piena di astio e risentimento, che disprezza il marito e che non lascia le sue figlie libere di decidere per la propria vita, soprattutto quella sentimentale.
Nel romanzo Maria è, invece, una donna semplice, paziente, innamorata del marito, senza il quale non prende alcuna decisione, che vive per i suoi figli, molto simile al personaggio di Ana.
Manuela nel romanzo ha solo quindici anni ed è la più piccola dei figli di Maria e Anselmo, mentre nella miniserie ne ha 22 ed è più vecchia di Rosario e di Mariana.
Nella storia originale Manuela e Garibaldi decidono di lasciarsi dopo che la giovane non accetta di seguirlo in battaglia perché non ha il coraggio di abbandonare la sua casa e la sua famiglia. Per questa decisione Manuela non si sposerà mai e vivrà una vita di solitudine.
Nella miniserie Manuela ha lo stesso finale, anche se nel corso della storia inventata diventerà una donna più forte e coraggiosa quando saprà della relazione tra Garibaldi e Anita.
Infatti la ragazza si unirà alle truppe dei farroupilhas aiutando i soldati feriti.
Il personaggio di Anita è solo citato nel romanzo della 
Wierzchowski, mentre nella miniserie ha un ruolo fondamentale nella storia.
Il triangolo amoroso tra Corte Real, Rosaria e Stefano non esiste nel libro; Rosaria non conosce nessun soldato imperiale nella realtà, ma impazzisce e immagina di vederne uno e si convince che sia l'uomo della sua vita. Per questa ragione verrà chiusa in un convento.

La maggior parte delle scene riguardanti la guerra che sono presenti nel libro, appaiono anche nella miniserie.
Tra le scene modificate dagli autori ci sono quelle che conferiscono un tono maggiormente drammatico alla storia, ossia quelle delle visite di Bento alla sua famiglia.
Nel libro queste visite avvengono quando il generale ha bisogno di riposare o partecipare ad eventi familiari o feste, come il Natale o il matrimonio di sua figlia Benedetta Perpetua.
Nella miniserie, oltre a questi eventi, troviamo molte riunioni di politici, discussioni su decisioni da prendere per il conflitto, cosa che in realtà non avviene nell'Estancia.
Altra scena modificata è quella della fuga di Bento dal carcere; nella miniserie il generale paga  un soldato imperiale affinché non denunci la sua fuga, cosa che non viene minimamente citata nel libro.
Gli autori della miniserie hanno cambiato anche l'ordine cronologico riguardante la morte dei due cognati di Bento, ossia di Anselmo e Pedro.
Nel libro avviene prima l'assassinato di Pedro, marito di Ana, e poi quello di Anselmo, sposo di Maria. Nella miniserie avviene il contrario.
Inoltre Anselmo nella storia della 
Wierzchowski muore in un'imboscata degli imperiali e la sua morte viene vendicata da suo figlio e da quattro nipoti.
Nella miniserie Anselmo muore per salvare la vita a Bento.
Pedro, invece, nel libro raggiunge ferito l'Estancia e muore tra le braccia di sua moglie; nella miniserie Pedro arriva già morto a casa.

Anche la morte del Capitano Onofre è stata modificata: nella miniserie viene ferito durante un duello con Bento, mentre nel libro muore in battaglia.
Pedro, il figlio di Ana, nella storia originale muore molto giovane in battaglia, mentre nella miniserie lo vediamo sempre in vita.
Personaggio completamente escluso dalla storia televisiva e presente, invece, nel libro, è Antonio, unico figlio maschio di Maria e Anselmo,uno dei pochi a sopravvivere alla guerra.
Al contrario il personaggio di Luigi Rossetti, nominato poche volte nel romanzo come un giornalista che lotta per i suoi ideali repubblicani, ha un ruolo decisivo nel governo farroupilha insieme a Garibaldi nella miniserie.
Lo stesso vale per Bento Manuel, personaggio senza scrupoli che si è alleato con i farroupilhas e poi con gli imperiali, ma che nella miniserie vediamo anche innamorato di Caetana, cosa che non viene mai raccontata nel libro.

LA CONDIZIONE DELLA DONNA DELL'EPOCA:

Nel contesto sociopolitico del Rio Grande nella prima metà del secolo XIX, sette donne della famiglia di Bento Gonçalves da Silva, isolate in un'estancia per dieci anni, ci mostrano quella che era la condizione della donna dell'epoca, rivelando la costruzione egemonica patriarcale della famiglia. Manuela, Rosaria e Mariana si ribellano a tale costruzione, esigendo una vita più libera e maggiore considerazione
Bento Manuel, nella pagine del libro,paragona l'oppressione femminile a quella del Rio Grande oppresso dagli Imperiali.
Quando Bento Gonçalves rifiuta di concedere la mano di Manuela a Garibaldi dice: "Le nostre spose restano in casa, non vanno in guerra. Sono le chinas (le donne che seguivano le truppe in guerra per soddisfare i piaceri dei soldati), le lavandaie, le venditrici e le donne dei soldati minori che vanno in guerra".Manuela va contro sua madre Maria, una donna molto rigida ed autoritaria che esige che le figlie restino vergini fino al matrimonio. "La libertà degli uomini è una cosa, la libertà delle donne è un'altra" dice in occasione del compleanno di Benedetta quando si parla dei soldati della famiglia.
Manuela soffre molto per questa imposizione e afferma: "Prodigiosa è la fortuna di chi nasce uomo e ha tanto potere".



Camila Morgado è Manuela.

Manuela inizialmente è debole e non trova il coraggio di ribellarsi a tutto questo, ma poi acquista una forza tale da lasciare la sua casa ed inseguire il suo amato, nel frattempo innamorato di un'altra.
Rosaria, sua sorella, dimostra fin da subito un comportamento di resistenza al dominio maschile e trova nella follia il mezzo attraverso il quale può ottenere la libertà di vivere la sua storia d'amore con Stefano, soldato appartenente allo schieramento opposto a quello della sua famiglia, e quindi considerato nemico.Anche Mariana riflette molto sul ruolo della donna del suo tempo e dice: "Io vorrei essere un uomo, un soldato farrapo. Loro sono liberi di litigare, di combattere per i propri ideali, di ubriacarsi e di divertirsi con le chinas".
Diversa è la posizione di Benedetta che, quando Rosaria consiglia a Manuela di correre dietro a Garibaldi, dice: "Come può una donna sola, sotto la pioggia, con il Rio Grande in guerra, rischiando di essere derubata, violentata...", e riesce a convincere la cugina a non partire.
Uno dei pochi personaggi maschili capaci di criticare il ruolo della donna nella società del tempo è Giuseppe Garibaldi.
Infatti dice ad Anita: "Ci sono tante prigioni, Anita. Una di queste è la famiglia e la classe sociale". Oppure quando parla di lei dicendo: "Una grande combattente, condannata ad essere una donna in un mondo di maschi".
Quando Manuela raggiunge il suo amato Garibaldi gli dice: "Come invidio la libertà delle chinas, esse vanno dove vogliono e non dove la mandano, come accade con noi".
E anche Barbara, figlia di uno dei generali farrapos, afferma: "Non c'è differenza tra chinas e signore, il nostro destino è sempre determinato dagli uomini".
Joana, figli di Onofre Pires, altro generale farrapo che abbandonò sua madre per sposare un'altra di buona famiglia, sogna di diventare sarta e dice al padre: "Il destino di una donna capace di mantenersi da sola è un destino benedetto, colonnello!". E lui le risponde: "Joana,una donna può essere solo domestica, china e suora. Le sarte sono prostitute, non ho inventato io il mondo, figlia mia".



CONTINUA....

sabato 6 aprile 2013

Get the look: Angelique Boyer in "Teresa"

Ed eccoci ancora una volta a parlare di moda e di look nelle telenovele. Senza dubbio una delle protagoniste più fashion in Messico, in questi ultimi anni, è Angelique Boyer in "Teresa".
Il suo personaggio è egocentrico, vanitoso, sempre alla ricerca di una vita migliore, di ricchezza e lussi.
Chi meglio di lei quindi può far parte di questa rubrica!
Vi lascio una serie di look usati dall'attrice in questa telenovela, sperando che siano di vostro gradimento!
Un bacio!










giovedì 4 aprile 2013

Jacqueline Bracamontes è diventata mamma!

L'attrice Jacqueline Bracamontes, incinta di due gemelli, è diventata mamma però ha perso uno dei due bambini, il piccolo Martìn, come voleva chiamarlo, per problemi respiratori.
Il papà dell'attrice ha dichiarato che la sua nipotina gode di ottima salute, così come la madre, ma è ancora sotto osservazione.
La piccolina pesa 1.132 kg 




La produttrice Magda Rodríguez, Paulina Rubio, Manuel "El Flaco Ibáñez" e Ana Brenda, e altri, hanno dimostrato affetto e appoggio all'attrice.
AUGURI MAMMA!!

Get the look: Grazi Massafera in "Flor do Caribe"

Ciao a tutti! Ecco per voi un altro post dedicato alla moda nelle telenovelas. Questa volta vi presento i look usati da Grazi Massafera in "Flor do Caribe", produzione Rede Globo attualmente in onda.





mercoledì 3 aprile 2013

Gran Estreno "Destino"



Gran Estreno "Destino"
8 Aprile 2013
In Streaming su Urraca Tv

TRAMA
Valeria Gonzàlez è una ragazza umile dall'apparenza fragile e debole, che imparerà ad essere forte pur di poter concretizzare e vivere l'amore della sua vita che troverà in Sebastian, ma non tutto sarà così facile perchè sul loro cammino ci sarà Grecia che farà ogni cosa in suo poter pur di non permettere loro di trovare il proprio lieto fine. Perchè? Semplice anche lei è innamorata perdutamente di Sebastian e sarà disposta a far guerra alla figlia pur di riuscirci.
PUNTATE
In Corso


CAST
Paola Nuñez
Mauricio Islas
Margarita Gralia
Maria Fernanda Quiroz
Maria José Magan
Javier Gómez
Hugo Catalán
Ana La Salvia
Jorge Luis Vázquez
Juan Vidal
Erick Chapa
Álvaro Guerrero
Homero Weimmer
Surya McGregor
Tamara Fascovich
Eugenio Montessoro
Lucia Leyba
Matias Aranda
Liz Gallardo
Adrian Rubio
Fernando Sansores

PROMO

Questi sembrano i presupposti su cui si basa tale novela, che dopo 4 anni riporta Paola Nunez alle novelas e a Tv Azteca.

Voi cosa ne pensate? La guarderete?



Get the look: Giovanna Antonelli in Salve Jorge (parte 2)

Ecco la seconda parte dello spazio dedicato al look di Giovanna Antonelli in "Salve Jorge" :)



martedì 2 aprile 2013

Get the look: Giovanna Antonelli in Salve Jorge (parte 1)

Salve amici, dopo aver parlato della linea di smalti di Giovanna Antonelli,  voglio proporvi i look dell'attrice brasiliana per il suo personaggio Helo in Salve Jorge. Vi mostrerò gli accessori e gli abiti più interessanti e fashion che hanno lanciato una nuova moda in Brasile.
Fin dalle prime puntate la Antonelli ha sfoggiato dei look molto particolari che subito sono stati imitati dalle sue fan.
Quindi non poteva mancare uno spazio dedicato a lei.Spero vi piaccia!