domenica 31 marzo 2013

Get the look: make up da telenovelas

Ecco la rubrica dedicata a tutte le appassionate di make up, moda e di telenovelas. A me è capitato spesso di vedere le attrici con rossetti, ombretti, smalti e trucchi particolari che però magari non riuscivo a trovare e riprodurre.
Cercherò di mettere qui i prodotti che usano le star delle telenovele e i rispettivi "dupes", ovvero i sostituti economici che possiamo trovare più facilmente in Italia :)

Oggi parliamo di smalti!


Questo è lo smalto indossato da Carolina Dieckmann (Teodora) in Fina estampa


Di alternative ce ne sono diverse. Ad esempio il Color Club "Raspberry Rush"



oppure il "290 Magenta Scuro" di Kiko


oppure il "VIVA PINK" di Avon 

Ovviamente non sono uguali all'originale, però potete ricreare un look simile a quello di Carolina utilizzando queste alternative :) Poi dipende anche molto dalle foto e da come vengono scattate, per cui un colore può sembrare più o meno accesso dell'originale.
Un bacio e alla prossima!



Get the look: la collezione di smalti di Giovanna Antonelli

Parliamo ancora una volta di smalti e questa volta voglio farvi conoscere la linea creata nel 2012 da Giovanna Antonelli, attrice brasiliana che adoro e seguo da molti anni.
Si tratta della linea "Emoções", in collaborazione con Speciallità, con ben 9 colori di smalti: Encanto, Carinho, Amor,  Paixão, Admiração, Impeto, Confiança, Intuição e Desejo :)



Ecco l'attrice durante la presentazione della sua linea di smalti


VIDEO



Anche se si tratta di una linea dell'anno scorso, l'attrice sta indossando spesso i suoi colori in "Salve Jorge", telenovela attualmente in onda su Rede Globo. 
In particolare la Antonelli sta usando per il suo personaggio Helo, i colori Impeto e  Paixão.
Prossimamente dedicherò un articolo all'attrice e alla moda che ha lanciato grazie al suo personaggio.




Alla prossima...

giovedì 21 marzo 2013

L'Italia in Brasile



In Brasile si continua a parlare del nostro Paese nelle telenovelas! Il regista Silvio de Abreu ha omaggiato in "Guerra dos sexos", titolo attualmente in onda su Rede Globo, il quartiere di Mooca, zona di San Paolo conosciuta per il fatto di avere una forte presenza italiana, attraverso una festa dedicata a San Gennaro.
Per l'occasione è stato creato un set particolare con i colori della nostra bandiera nazionale, verde, bianca e rossa, 14 stand, musica italiana e piatti tipici come la pizza, la polenta, il pane cotto a legna e dei dolci molto simili alle nostre zeppole.
Reynaldo Gianecchini, nel cast della novela nel ruolo di Nando, ha origini italiane, anche se la sua famiglia non è più legata alle nostre tradizioni. Il bell’attore brasiliano adora la cucina tipica italiana e ha visitato spesso il nostro Paese, non solo per lavoro.
Ma non è certo la prima volta che si parla di noi italiani nelle novelas…
Una delle prime telenovele a parlare del nostro Paese è stata "Nino, o italianinho", del 1969, prodotta da TV Tupi e scritta da Gerardo Vietri e Walter Negrão. La telenovela narra la storia di Nino (Juca de Oliveira), un immigrato italiano che arriva in Brasile nel quartiere di Bexiga, a San Paolo. Il giovane si innamora della bella vicina Natàlia (Bibi Voguel), la quale è però interessata al ricco Renato (Wilson Fragoso).
Altra novela che racconta la saga degli immigrati italiani è "Os imigrantes", scritta da Benedito Ruy Barbosa e andata in onda su Rede Bandeirantes nel 1981.  
Tra i protagonisti ricordiamo l'italiano Antonio di Salvio che sposa la figlia di un fazendeiro brasiliano e diventa ricco.
Nel 1995 in una novela di Rede Globo scritta da Silvio de Abreu, " A pròxima vitima", possiamo vedere una ricca famiglia italiana tradizionalista e conservatrice, i Ferreto, con a capo la fredda e autoritaria Filomena (Aracy Balabanian) e la famiglia dei Rossi e dei Mestieri.


L'anno dopo, sempre su Rede Globo, troviamo un capolavoro scritto da Benedito Ruy Barbosa dal titolo "O rei do gado", in cui possiamo seguire la storia d'amore e odio di Bruno Mezenga (Antônio Fagundes), un ricco fazendeiro di origini italiane che è in lotta con la famiglia dei Berdinazzi, capitanata da Giuseppe (Tarcìsio Meira), a causa delle piantagioni di caffè.
Ma senza dubbio la più conosciuta e amata in tutto il mondo è "Terra Nostra", uno dei maggiori successi di Benedito Ruy Barbosa, che racconta la storia di Giuliana (Ana Paula Aròsio) e Matteo (Thiago Lacerda), che si innamorano sulla nave che li porta dall'Italia al Brasile.
La storia dei due italiani avrebbe dovuto avere un seguito, in cui si sarebbero narrate le vicende dei discendenti di Matteo e Giuliana, ma l'autore scelse di scrivere una nuova storia, "Esperança" (Terra Nostra 2), che però non ottenne il successo sperato.
Seguendo la stessa linea di Terra Nostra, il nuovo lavoro di Barbosa racconta la storia di Toni (Reynaldo Gianecchini) e Maria (Priscila Fantin) alla quale si uniscono molte altre storie non soltanto italiane, tra cui quella di una famiglia ebrea, di una portoghese e di una spagnola, oltre alle famiglie brasiliane.
Il 2009 è l'anno di un'interessante produzione targata Rede Record, basata sul libro "Honra ou Vendetta",,dal titolo “Poder paralelo”, che ci racconta delle relazioni tra mafia siciliana e Brasile, il cui protagonista è Tony Castellamare (Gabriel Braga Nunes), un brasiliano di origini italiane che ha perso sua moglie e le sue figlie in un attentato e decide di vendicarsi.
Nel 2010 un nuovo titolo spunta sugli schermi brasiliani: si tratta di "Passione", scritta da Silvio de Abreu, girata nei bellissimi paesaggi toscani, con un cast eccezionale formato da Tony Ramos, Fernanda Montenegro, Mariana Ximenes e Reynaldo Gianecchini tra i tanti.
Come vedete non mancano di certo richiami alla nostra bella Italia nelle produzioni brasiliane, ma sicuramente la lista non termina qui.
Ricordate titoli di telenovele in cui viene raccontata la storia di italiani oppure in cui vengono citati personaggi e luoghi del nostro paese?

martedì 19 marzo 2013

L'ultima Helena di Manoel Carlos

Tempo fa condivisi con voi la notizia pubblicata da Rede Globo circa l'ultima novela di Manoel Carlos. Bene, ora si sa qualcosa in più e sicuramente è previsa per il 2014, quindi dobbiamo aspettare un po'.
La telenovela seguirà "Amor à vida" (ex Em nome do pai), la nuova proposta di Walcyr Carrasco.
Maneco ci assicura che nel cast ci sarà Julia Lemmertz perché ha già accettato e che la novela è dedicata alla madre dell'attrice, Lilian Lemmertz, la prima Helena dell'autore.
Manoel Carlos afferma in un'intervista al giornale "O Dia" che non riesce a scrivere per attori che non gli piacciono, che deve innamorarsi degli attori per potersi sentire ispirato. Ciò non vuol dire, però, che detesti qualche attore, ma semplicemente che hai suoi preferiti.
Per questo aspetta che si concludano i contratti di alcuni attori come Mariana Ximenes, Tony Ramos e Vivian Pasmanter, che vuole assolutamente nella sua nuova storia, che probabilmente si chiamerà "Em Famìlia".
La storia racconterà di un amore tra cugini. Un ragazzino di 13 anni troverà un medaglione con l'immagine della Fenice e rimane affascinato dal suo significato. Il ragazzino darà questo medaglione alla sua fidanzatina di 12 anni così che la loro storia d'amore non finisca mai, o per lo meno se dovesse morire, rinasca nuovamente....


Ecco le Helanas do Maneco


Il favoloso mondo di noveleras

http://blogclubnovelas.blogspot.it/


Il 19 marzo è la Festa del Papà, ma è anche una data molto importante in quanto segna l’inizio delle riprese di "Mientras Nos Quede Corazòn" (tutolo provvisorio), il rifacimento messicano di TV Aztecadel celebre telefilm americano “Brothers & Sisters”.

E’ notizia che la famosa e bellissima Anette Michel interpreterà il personaggio di Calista FlockhartKitty.

Con questa serie Anette Michel inizierà un nuovo ciclo lavorativo conAzteca, in quanto con "La Mujer De Judas" aveva concluso il suo contratto con la rete.

L'attrice ha detto che subito le offerte sono fioccate da altre reti, anche se lei ha deciso di rinnovare nuovamente il suo impegno con il canale, seppur a differenza del passato, con alcun accordo di esclusività.

Prime notizie vogliono che il suo personaggio sarà fidanzato con quello interpretato dall'attore Sergio Basañez.

La storia sarà identica a quella della serie originale però ovviamente adattata all'ambiente e alla cultura messicana. Verrà girata per ora solo la prima temporada e si aspetterà la risposta del pubblico per decidere se produrne altre.

Alla produzione troveremo Elisa Salinas, ma anche Ofelia Medina, Angelica Aragon, Hector Bonilla, e Leah Regil Barbara Ferrer, solo per citarne alcuni.

Voi ne siete ispirati? Credete che proverete a vederla? Io sinceramente sono molto curiosa e aspetto con ansia maggio per poter finalmente godere del suo gran estreno!

Image and video hosting by TinyPicCristina Petrini
Blog Club Novelas 2.0: Image and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPic
Marvel Noc Gdr » Comics; Films ItaImage and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPic
Me, Myself & I: Image and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPic

Sta per arrivare "Libre para amarte"


Prossimamente Televisa ci proporrà questa nuova storia dal titolo "Libre para amarte", ispirata alla serie colombiana "Los Canarios", al termine di "Porque el amor manda".
Qui la cantante Gloria Trevi interpreta Aurora Valencia, un'umile tassista che sarà contesa da due uomini: Enrique del Pino (Gabriel Soto) e Ramòn Sotomayor (Eduardo Santamarina).


domenica 17 marzo 2013

Le pagelle di Telenovelas Mania - A vida da gente


BREVE TRAMA:
La novela racconta la storia d'amore tra Ana e Rodrigo, che si conoscono fin da bambini.
Jonas, padre di Rodrigo, rimasto vedovo, ha sposato la madre di Ana, Eva, quando Rodrigo aveva undici anni.
Ana e Rodrigo iniziano una relazione ma Eva non lo accetta, soprattutto perché ha iniziato le pratiche della separazione da Jonas, il quale la tradiva con la sua giovane personal trainer, Cris.
 A complicare la situazione interviene la notizia che Ana, la figlia che Eva tanto ama e elogia continuamente, campionessa di tennis e piena di risorse (al contrario della sorella, Manuela, verso la quale non nutre la stessa ammirazione) è incinta di Rodrigo.
Eva decide di portare la ragazza fuori dal Brasile così da allontanarla definitivamente da Rodrigo. Passa il tempo e Ana torna in Brasile con una bambina, Julia, ma rimane purtroppo vittima di un incidente che la fa rimanere in coma per cinque anni. 
Rodrigo intanto scopre di avere una figlia e si dispera per la condizione di Ana. 
Inizia a questo punto la seconda fase della novela: Ana si risveglia dal coma e scopre che la sua vita è totalmente cambiata. Rodrigo è ora sposato con Manuela, sua sorella, e insieme stanno crescendo la piccola Julia. 
Ana cerca di conquistare l'affetto della figlia, e si sente tradita da Manuela e anche da Rodrigo, il quale non l'ha mai dimenticata e vorrebbe tornare con lei.
Ana è confusa e non sa come comportarsi e finisce per tradire sua sorella, come aveva fatto lei. Infatti Ana inizia a vedere Rodrigo di nascosto e Manuela lo scopre, rimanendo profondamente delusa dal suo comportamento.
Nel frattempo Ana ha conosciuto il neurologo Lucio (Thiago Lacerda), che l'ha aiuta durante il difficile ritorno alla "vita normale" e che si è innamorato di lei.
Riusciranno le due sorelle a fare pace e a ritrovare l'armonia e l'amore che le ha sempre legate fin da piccole?

RECENSIONE: 
Ho trovato questa storia molto gradevole, in alcuni punti lenta, ma tutto sommato è un buon prodotto.
La trama letta così, senza aver visto la storia, può sembrare banale perché ci sono molti di quegli elementi classici di una telenovela, come la gravidanza in giovane età della protagonista, due sorelle che si innamorano della stessa persona, la madre che preferisce una delle sue figlie e quasi disprezza l'altra,ecc.
Ma "A vida da gente" non è solo questo, è una storia capace di regalarti momenti di gioia e di commozione, molto vicina al pubblico e alla sua quotidianità.
Lìcia Manzo con questa novela ha fatto il suo debutto nel mondo delle telenovelas e devo dire che è stato un buon debutto. La telenovela non ha avuto un grande successo in Brasile (peccato) forse dovuto alla lentezza della storia.
Tutti gli attori sono convincenti, a partire dai più piccoli, come Marcello Mello Jr., Maria Eduarda, Julia Almeida, fino ai più noti e apprezzati, come Paulo Betti (Filippo Ventura in "La forza del desiderio"), Stenio Garcia, Neuza Borges, e ai protagonisti Fernanda Vasconcellos, Marjorie Estiano (il mio personaggio preferito), Rafael Cardoso e Thiago Lacerda.
La storia è diversa dalle altre proposte da Rede Globo, soprattutto da Manoel Carlos, grande maestro di Licia Manzo, per quanto riguarda l'attenzione alla psicologia di ogni personaggio.
Ma non solo. Siamo abituati a vedere le telenovele, specie quelle di Televisa, con questi grandi antagonisti, capaci di ogni atrocità, di uccidere a sangue freddo, di ingannare abilmente le persone che odiano. Niente di tutto questo accade in "A vida da gente".
Per Lìcia Manzo non è necessario avere villane di questo genere per poter scrivere una bella storia. Le storie più interessanti sono quelle che possiamo vedere intorno a noi, nelle quali possiamo immedesimarci.
Eva, che possiamo considerare un po' la "cattiva" della storia, interpretata da Ana Beatriz Nogueira, vive un difficile rapporto con Manuela, sua figlia, e preferisce la primogenita a lei. Questa è una cosa che accade spesso nella realtà. Molti genitori fanno preferenze tra i figli.
E poi nella vita tutti siamo un po' buoni e un po' cattivi, tutti sbagliamo pensando magari di fare la cosa più giusta, e intanto facciamo del male a qualcuno.
Le due protagoniste sono delle brave ragazze, con dei buoni sentimenti, legati da un affetto speciale. Ma l'amore verso Rodrigo riesce a rovinare il loro legame, a farle diventare un po' "la villana della situazione", l'una contro l'altra per un giovane.
E dalla loro storia capiamo che più delle coltellate, più di uno sparo, come siamo abituati a vedere nelle telenovele di solito, feriscono le parole.
Ana e Manuela si amano profondamente, sono sorelle ma anche migliori amiche che dividevano gioie e dolori. Eppure si feriscono con le parole, con dei gesti e soffrono sia per il male ricevuto che per quello dato.

Da pelle d'oca la scena in cui Ana, ormai risvegliata dal coma, rende conto di aver perso tutto: "Questa casa dovrebbe essere mia! Questa vita dovrebbe essere mia! E Julia è mia figlia, non è tua figlia!"
Ana sente che sua sorella le ha rubato tutto, il fidanzato, la casa, la figlia, tutta la sua vita.
Ma Ana non conosce la sofferenza di Manuela, non capisce fino in fondo cosa prova, cosa ha dovuto passare per arrivare fino dov'è arrivata, i suoi sensi di colpa....
Il rapporto tra le due e le loro vicende fanno sì che nemmeno ti accorgi che non ci sia una villana forte, o un protagonista maschile con gli attributi!
Infatti trovo i personaggi maschili molto più deboli e con meno carattere di quelli femminili.
Rogrigo non mi è piaciuto molto, scompariva di fronte alla bravura della Estiano, era codardo, debole, agiva sempre d'impulso, immaturo nelle sue decisioni, sempre.

Non ho gradito molto la presenza di Inà, la sensitiva della storia, un personaggio secondario che aveva previsto molte cose della trama, come l'incidente di Ana, il suo risveglio... forse potevano evitarlo, però niente di così inguardabile.
Altre storie secondarie, invece, mi hanno colpita positivamente, come quella di Moema, interpretata da Claudia Mello, che all'età di 50 anni, decide di rimettersi a studiare e diventare infermiera, a dimostrazione che non è mai tardi per realizzare i propri sogni.
Il mio voto per questa storia è: 7-

giovedì 14 marzo 2013

Colonne sonore: Flor do Caribe


TRILHA SONORA  "FLOR DO CARIBE"



01. A CANÇÃO QUE FALTAVA - Isabella Taviani 

02. CACOS DE AMOR - Luiza Possi e Zizi Possi 
03. CANÇÃO DA TERRA - O Teatro Mágico 
04. CUIDA DE MIM (DREAMING OF YOU) - Tânia Mara 
05. DONA DE SETE COLINAS - Alceu Valença 
06. EM PAZ - Maria Gadú e 5aseco 
07. ERA SÓ PRA SER - Maurício Manieri 
08. FACE DE NARCISO - Jorge Vercilo 
09. FEITO PRA ACABAR - Marcelo Jeneci 
10. MINHA VIDA É TE AMAR - Elba Ramalho 
11. MIRAGEM - Dani Black 
12. PRIMEIRO RAIO DE SOL - Banda Nego Joe 
13. RAINHA - Maciel Melo, Xangai e Nana 
14. SORRISO DE LUZ - Djavan 
15. VALSA DO ADEUS - Rafael Almeida 
16. XOTE DA SMENINAS - Alinne Rosa 






SIGLA INIZIALE: 5 à Seco e Maria Gadú - "Em paz"

Caiu do céu, se revelou
Anjo da noite e das manhãs
Pra amanhecer em par, em paz
E quanto mais, melhor
Você, sol de verão que faz chover
Som da maré, é luz e cor
Pro bom da vida acontecer
Onda que invade é o amor
Queria ser navegador
Desse teu mundo estelar
Lua que amansa o meu desejo
Estrela azul, me leva
Caiu do céu, se revelou
Anjo da noite e das manhãs
Pra amanhecer em par, em paz
E quanto mais, melhor
Você, beleza rara de se ver
Mágica música no tom
Uma escultura de Debret
O meu poema de Drummond
Queria ser navegador
Desse teu mundo estelar
Lua que amansa o meu desejo
Estrela azul, me leva
Queria ser navegador
Desse teu mundo estelar
Lua que amansa o meu desejo
Estrela azul, me leva


Juanes - Es Por Ti


Cada vez que me levanto 

Y veo que a mi lado estás y me siento renovado 
Me siento aniquilado aniquilado si no estás 
Tu controlas toda mi verdad y todo lo que está de más 
Tus ojos me llevan lentamente al sol 
Y tu boca me habla del amor y el corazón 
Tu piel tiene el color de un rojo atardecer 
Y es por ti
Que late mi corazón 
Y es por ti 
Que brillan mis ojos hoy 
Y es por ti 
Que he vuelto a hablar de amor 
Y es por ti 
Que calma mi dolor 
Y cada vez que yo te busco 
Y no te puedo aún hallar 
Me siento un vagabundo 
Perdido por el mundo 
Desordenado si no estás 
Como mueves tú mi felicidad 
Y todo lo que está de más 
Tus ojos me llevan lentamente al sol 
Y tu boca me habla del amor y el corazón 
Tu piel tiene el color de un rojo atardecer 

Y es por ti 
Que late mi corazón 

Y es por ti 

Que he vuelto a hablar de amor 

Y es por ti 

Que brillan mis ojos hoy 

Y es por ti

Que calma mi dolor




Alceu Valença - Dona de 7 Colinas

Ela é dona de 7 colinas
Debruçadas na beira do mar
Transparente, solar, cristalina
Feminina, muito mais que linda
Caeté, lusitana, guerreira
Tem no peito o fogo da paixão
Preguiçosa, morena, faceira
Ela é dona do meu coração
Seu estilo discreto e elegante
Se transforma e no Carnaval
É cigana, boneca-gigante, sensual
Quantos becos, esquinas, ladeiras,
Quantas ruas a se percorrer
Nós brincamos até quarta-feira
Pelo simples prazer do prazer

Nego Joe - Primeiro Raio de Sol 


Quando o primeiro raio de sol
Encontrar o teu sorriso;
Vai perceber que os seus olhos são;
As janelas do paraíso!
Se ele que é um rei
A rainha não pode tocar;
Eu como um simples plebeu
Com meus versos, tentendo conquistar.
Teu coração,
Tesouro guardado no fundo do peito,
Depois que te vi, nem dormi;
Não tem jeito não.
Quero te encontrar!
Não tenho riqueza nenhuma
Pra mostrar, mas quero
Que guarde contigo esses versos,
Pra você de mim se lembrar.
Quando chegar a tardinha, vendo o mar;
Cada onda que quebrar tão sozinha

É um beijo que quero te dar!



Tânia Mara - Cuida de Mim



Quando o mundo já dormiu à noite
Penso em você, meu bem
E uma estrela me faz
Pedir que você pense em mim também

Nessa noite eu vou sonhar
Nos seus braços hoje eu quero ficar
E não há nenhum lugar melhor pra mim
Preciso te amar
Tô pedindo, então cuida de mim

Se soubesse que eu estou tão perto
Se pudesse olhar pra mim
Dos meus olhos ouvir
Que eu estou a pedir
Cuida bem de mim

Posso te abraçar num sonho à noite
Mas te perco de manhã
Sei que um dia eu terei
Coragem e direi
Te quero, meu amor

Nessa noite eu vou sonhar
Nos seus braços hoje eu quero ficar
E não há nenhum lugar melhor pra mim
Preciso te amar
Tô pedindo, então cuida de mim

Quando o mundo já dormiu à noite
Penso em você meu bem
Hoje o sonho é real
Você veio afinal dizer meu amor
Te amo sim

Nessa noite eu vou sonhar
Hoje e sempre
Nos seus braços ficar
E não há nenhum lugar melhor pra mim
Preciso te amar

Tô pedindo, então cuida de mim



Jorge Vercillo - Face de Narciso

O que é o amor?
Vai além da minha compreensão.
Para uns é chave
E pra outros foi prisão.

O que é o amor?
Será desapego ou possessão?
Altruísmo em nós
Ou apenas auto-adoração?

Face de Narciso por capricho se espelhou
Mas se ela me olha assim, é lindo,
Ali eu sei quem sou.

E o que é o amor?
É platônico ou será real?
Sonhos de mulher
Ou pecado original?

E o que é o amor?
Penso que só ele pode unir.
Tudo em suas mãos,
Toda a dualidade em si.

São tantas verdades convergindo ao seu redor.
Não existe a espada sem a lira,
O espinho sem a flor.

E o que é o amor?
Vai além da minha compreensão.
Para uns é chave
E pra outros foi prisão.

O que é o amor?
Vai além da imaginação.
Para uns é dor,
Para muitos, luz na escuridão.

Prime impressioni su "Flor do Caribe"

Ciao amici di Telenovelas Mania,
ho avuto modo di vedere le prime puntate di "Flor do Caribe" e devo dire che mi è piaciuta moltissimo. Bella la sigla cantata da Maria Gadu e i paesaggi sono spettacolari! Speriamo che questa storia riesca a far salire l'audience delle 18, perché, nonostante "Lado a lado" fosse una storia di qualità, l'indice di gradimento non era stato così alto, anzi.




PRIMA PUNTATA
La prima puntata inizia con un flashback che ci riporta ad un periodo triste della storia del mondo che introduce una vicenda molto interessante, quella di Samuel, interpretato da Juca de Oliveira che si spaventa quando sente i rumori dei caccia volare nel cielo di Vila dos Ventos.
L'uomo, infatti, ricorda un terribile passato, quello della Seconda Guerra Mondiale. Ad Amsterdam fu separato con la forza dai genitori e costretto a vivere per strada per sopravvivere. Quei rumori gli ricordano gli aerei dei nazisti, i campi di concentramento e tutto quell'orrore.
Sua moglie Lindaura (Angela Vieira, che qui trovo molto bella) non riesce a calmarlo e sua figlia Ester, la protagonista della storia (Grazi Massafera), riesce a convincerlo che si tratta del suo fidanzato Cassiano (Henri Castelli) che sta pilotando il suo aereo con i suoi colleghi.
Anche se sono state due scene piuttosto brevi, spero che sviluppino bene questa tematica perché promette bene. Jayme Monjardim poi è bravissimo nelle ricostruzioni storiche e in questo tipo di racconti.
Il personaggio che più mi ha incuriosita è stato quello di Alberto, il villano, interpretato da Igor Rickli, attore completamente sconosciuto per me che Rede Globo poteva tirare fuori prima... vabbè, meglio tardi che mai.
Alberto è nipote del ricchissimo Dionisio Albuquerque (Sergio Mamberti), il quale ha costruito un vero impero grazie alla vendita di diamanti e alla raccolta di sale e tungsteno nel Rio Grande do Norte.
La sua salute è però precaria e non vede l'ora di dare tutto nelle mani di Alberto. L'unico problema è che il ragazzo non vuole assolutamente occuparsi degli affari del nonno, proprio come suo padre, verso il quale il nonno nutre molto risentimento.
Dionisio cerca di convincerlo ma sembra che Alberto sia molto testardo nel non voler cambiare idea.
Invece tutto cambia quando il giovane ripensa alla sua adolescenza, a quando, il giorno del diploma di pilota di Cassiano, Ester aveva rifiutato la sua corte.
Alberto avrebbe potuto offrire molto di più alla ragazza, ma Ester aveva scelto Cassiano.
Il giovane Albuquerque non ha dimenticato questo episodio e continua ad essere "innamorato" di Ester e a volerla tutta per sè.
Questo ricordo gli fa cambiare idea e, una volta tornato alla villa, dice al nonno che accetta di essere a capo del Gruppo Albuquerque. "Credimi, ora uno un motivo, diciamo molto speciale, per assumere il comando"
Felice, Dionisio gli regala un antico anello di fidanzamento che apparteneva a sua moglie e gli dice che un giorno lo dovrà regalare alla donna con la quale si sposerà.
Alberto ha subito un'altra idea quando riceve l'anello.... e così, durante la festa organizzata da Dionisio per presentare suo nipote come nuovo presidente della compagnia, il giovane chiama a sè i due amici, Cassiano ed Ester.
"Voglio dire di fronte a tutti questi testimoni che oggi voi smetterete di essere semplici innamorati e diventerete ufficialmente fidanzati! Cassiano, mio grande amico, fratello, chiederà la mano alla sua amata Ester in matrimonio!"
E non è tutto! La coppia, sorpresa, riceve perfino l'anello di fidanzamento, lo stesso che Dionisio gli aveva regalato e che appartiene alla sua famiglia.
Dionisio chiama in disparte il nipote e gli dice che non approva il suo gesto.
Ma Alberto risponde: "L'anello della nonna tornerà presto alla famiglia. Questo fidanzamento non durerà molto".
Che cos'ha in mente Alberto?





SECONDA PUNTATA:  Cassiano non immagina minimamente che il suo miglior amico sta tramando contro di lui, ed è molto felice della festa e di poter sposare la sua bella Ester. Il giovane porta la ragazza sulla spiaggia e brinda con lei alla nuova vita insieme. I due passano la notte lì e quando si svegliano iniziano a parlare dei loro progetti, della casa, dei figli, ecc., convinti che tutti i loro sogni si realizzeranno. 

Dopo la notte passata insieme, Ester torna a casa e racconta tutto alla madre Lindaura. La donna non è molto convinta del gesto di Alberto e sospetta che ci sia qualcosa sotto, e in più è dispiaciuta perché alla festa non c'era nè lei, nè il papà. Samuel, inoltre, stava creando un anello di fidanzamento per la figlia ed Ester ha dovuto nascondere quello di Alberto per non dargli un dispiacere.

La ragazza spiega alla madre che il gesto di Alberto per la coppia è stato un gesto di amicizia, che lui sapeva del desiderio di Cassiano di chiederla in sposa e di comprarle un anello, enon poteva rifiutare davanti agli invitatati. Lindaura non è molto convinta della spiegazione ma decide di parlare col marito e spiegargli che Ester ha già un anello. Samuel non la prende così male come pensavano, anche se quel gioiello riporta alla memoria dell'uomo alcuni ricordi dolorosi. Infatti l'anello somiglia molto a quello che sua madre è stata costretta a vendere per poter avere i passaporti e fuggire dall'Olanda durante la guerra, passaporti, però, che non ha mai ricevuto...
Intanto Alberto, ormai a capo dell'impresa, parla con i salineros fingendo di volerli aiutare e di cambiare la situazione dei lavoratori, regalando la sua macchina a Chico, papà di Cassiano e salinero anche lui, come dimostrazione della sua buona fede.
"E così che io voglio che si sentano da oggi, parte di una sola famiglia. Vendete questa macchina e dividete il ricavato tra di voi"
Alberto ovviamente mente... altro che aiutare i salineros! Non è capace di essere fedele ad un amico, figuriamoci ai suoi dipendenti!
Chico, anche se non si fida di lui, vende l'auto a Bibiana, la proprietaria di un chiosco.
Alberto ormai ha tutto nelle sue mani e manca l'ultimo passo: incastrare Cassiano e liberarsi di lui per poter conquistare Ester.
E così convince l'amico a trasportare una valigetta di diamanti in Caribe a Dom Rafael, capo mafioso.
"Niente di illegale, i documenti sono in ordine, le imposte tutte pagate. Non avrai nessun problema né per imbarcare, né per sbarcare."
Cassiano non è molto convinto della cosa... "Non puoi aspettare il mio matrimonio?"
"Sai per cosa sono destinati quei soldi ricavati dalla vendita di questi diamanti? Servono per pagare i salineros"
"Allora non ho motivo di restare, accetto!"
E così Alberto incastra Cassiano con la scusa di risolvere i problemi dei lavoratori..... tanto cosa sarà mai? Un viaggio di un giorno solo e poi riabbraccerà la sua dolce Ester...
Insomma... i piani non sono proprio questi!


lunedì 11 marzo 2013

Flor do Caribe

Stasera, 11 marzo 2013, alle ore 18:00 parte su Rede Globo (Brasile) la nuova telenovela di  Walther Negrão, "Flor do Caribe" che sostituirà "Lado a Lado", con la direzione di Suzana Pires, Jayme Monjardim (Terra nostra, La casa delle sette donne) e Marcelo Travesso,
La telenovela è girata in varie località molto belle del Brasile, il Rio Grande do Norte, Praia de Pipa, Base Aérea di Natal, Forte dos Reis magos, Genipabu, e anche in Guatemala. LA STORIA
Nel 2005 Ester (Grazi Massafera), figlia di Lindaura e Samuel, ragazza bella, dalla forte personalità, romantica, che si guadagna da vivere facendo la guida turistica di Vila dos Ventos, una città vicina a Natal, nel Rio Grande del Nord. La giovane è fidanzata fin dall'adolescenza con Cassiano (Henri Castelli), figlio di Chico e Olìvia, ragazzo umile, determinato, pilota della Força Aérea Brasileira che lavora nella base aerea di Natal.
Il sogno dei due giovani è quello di sposarsi ed essere una famiglia.

Alberto (Igor Rickli), però, miglior amico d'infanzia di entrambi e innamorato anche lui di Ester, organizza un piano per separare Cassiano dalla sua amata.
Il ragazzo lavora per il nonno, Dionisio, occupandosi degli affari della produzione ed esportazione del sale, e della mineralizzazione del tungsteno e dei diamanti.
Freddo e calcolatore, Alberto è capace di commettere le peggiori cattiverie per poter ottenere tutto ciò che vuole.

E così, grazie all'aiuto di Dom Rafael (Cesar Troncoso), un suo cliente del Caribe, ricco fazendeiro del Caribe che si occupa di distribuzione illegale di pietre preziose in Europa, Asia e Medio Oriente per mezzo di un'organizzazione mafiosa, riesce a liberarsi di Cassiano, facendolo lavorare come schiavo in una sua miniera di diamanti.
Intanto in Brasile tutti lo danno per disperso e dopo qualche tempo Ester scopre di essere incinta di Cassiano.
Sconvolta dalla sparizione e presunta morte dell'amato, Ester si lascia sedurre da Alberto, che si avvicina a lei per consolarla e darle il suo appoggio.
Così Ester sposa il villano della storia, iniziando una nuova vita al suo fianco, credendo di aver perso per sempre il padre di suo figlio.
Otto anni dopo, Cassiano riesce finalmente a scappare dalla miniera e torna a Vila dos Ventos disposto a riconquistare la sua amata e a vendicarsi di Alberto, che ora è ancora più ricco e potente di prima, in seguito alla morte di suo nonno Dionisio.
Cassiano nasconde un grande segreto che coinvolge il padre di Ester, l'ebreo Samuel (Juca de Oliveira), nato in Olanda in piena Seconda Guerra Mondiale, e sposato con la bella cabocla Lindaura (Angela Vieira).
Riuscirà Cassiano a vendicarsi di Alberto e a riconquistare il suo amore?



CAST
Grazi Massafera – Ester
Henri Castelli – Cassiano
Igor Rickli – Alberto
Aílton Graça – Quirino 
Ângela Vieira – Lindaura
Bete Mendes – Olívia
Bruno Gissoni – Juliano
Cacá Amaral – Chico
César Trancoso – Dom Rafael
Cyria Coentro – Bibiana
Daniela Escobar – Natália
Débora Nascimento – Taís
Dudu Azevedo – Amadeu
Fernanda Pontes – Victória
Gésio Amadeu – Alaor
Igor Cotrim – Diego  
Jean Pierre Noher - Duque
José Loreto – Candinho
José Henrique Ligabue – Lino
Juca de Oliveira – Samuel
Laura Cardoso – Dona Diana
Livian Aragão – Marizé
Luiz Carlos Vasconcelos – Donato
Marcos Winter – Reynaldo
Maria Joana Chiapetta – Carol
Mariza Marchetti – Drª Márcia
Max Fercondini – Ciro
Moro Anghileri – Cristal
Patrícia Naves – Ivete
Rafael Almeida – Paçoquinha
Raphael Viana – Hélio
Renata Roberta - Dadá
Renzo Aprouch – William
Rita Guedes – Doralice
Sérgio Mamberti – Dionísio Albuquerque
Sthefany Brito – Amaralina
Tainá Muller – Ludmilla
Thaíssa Carvalo – Isabel
Thiago Martins – Rodrigo
Viviane Victorette – Marinalva






VIDEO INTERVISTA AL REGISTA JAYME MONJARDIM