martedì 17 dicembre 2013

Le trame del 1982: "Marta"/"Marta y Javier" - Venezuela (PRIMA PARTE)


Rivivi la storia d'amore di Marta e Riccardo, protagonisti della telenovela del 1982 "Marta" (Marta y Javier), interpretati da Mayra Alejandra e Carlos Olivier.

TRAMA COMPLETA
PRIMA PARTE


1.  La telenovela è ambientata nei primi anni '80 a Caracas. Marta Galvan (Mayra Alejandra) è una ragazza allegra, elegante e con una gran passione per la pittura. La giovane vive con suo padre, Alvaro, direttore dell'ospedale generale di Caracas, e con la sorellastra, Celia, una ragazza timida e sensibile alla quale vuole molto bene.
Alvaro è un uomo molto generoso e nobile d'animo che fa di tutto per i suoi pazienti, come ad esempio comprare dei macchinari molto costosi di tasca sua, pur di offrirgli il meglio. L'uomo, però, dedicandosi così tanto al lavoro, trascura la sua salute e non è intenzionato a concedersi un periodo di riposo per tenere sotto controllo la malattia cardiaca di cui è affetto. Inoltre nasconde il suo stato alla figlia per non farla preoccupare.
Marta è corteggiata da Ernesto, amico di famiglia e figlio di Paolina, la capo reparto dell'ospedale, ma non lo ricambia, al contrario di Celia, che lo ama ma non si dichiara.


2. All'ospedale di Caracas sta per laurearsi Riccardo Contreras (Carlos Olivier), un giovane di umili origini, brillante ed estroverso, che ama scherzare e corteggiare le donne, senza mai legarsi sul serio.
Un giorno Riccardo prende una moto ed entra nei corridoi esterni dell'ospedale e viene inseguito da alcuni ragazzi. Durante la corsa la moto di Riccardo sta quasi per scontrarsi con la macchina guidata da Marta, sulla quale si trova anche Alvaro, il suo direttore.
L'uomo lo rimprovera e lo prega di darsi una calmata perché il suo modo di fare da ragazzino non si s'addice alla carriera che sta per intraprendere, soprattutto perché è il miglior alunno della facoltà e ha intenzione di assegnargli il posto di interno, rimasto vacante.
Dopo il colloquio con il direttore, Riccardo si scontra nuovamente con la figlia, Marta, e già incuriosito da quel breve incontro fuori dell'ospedale, rimane affascinato dalla sua bellezza e, sfacciato come al suo solito, la riempie di complimenti.
Alla scena assiste la fidanzata di Riccardo, Giulia Martìnez (Tatiana Capote), un'infermiera, la quale rimane molto infastidita poiché pensava che finalmente avrebbe potuto sposarlo e fargli mettere la testa a posto.



3. Riccardo e Marta si ritrovano altre volte all'ospedale e l'uomo non fa altro che provocarla, arrivando anche a telefonarla a casa, aumentando sempre più la gelosia di Giulia, che si ritrova davanti la rivale perfino quando è a cena col suo fidanzato.
Un giorno all'ospedale arriva un caso grave e tutti i medici sono impegnati chi in sala operatoria, chi al pronto soccorso, e Riccardo, resosi conto che il paziente non può aspettare un minuto in più, litiga con il tirocinante di guardia, Fajardo, e, contro la sua volontà, decide di praticargli una tracheotomia d'urgenza.
Fajardo vorrebbe chiamare a casa del direttore per informarlo di ciò che Riccardo ha commesso, ma viene calmato dalle infermiere che gli spiegano che Alvaro Galvan è a riposo dopo un malore e che ha bisogno di tranquillità.
Riccardo è preoccupato perché teme di poter essere cacciato dall'ospedale, ma è convinto di aver fatto la cosa giusta per salvare quell'uomo.
Agustìn Fajardo parla dell'accaduto al dottor. Julio Bermudez, il vice direttore, che decide di convocare tutti coloro che erano presenti quando Riccardo ha deciso di operare il paziente.
Riccardo, intanto, lascia l'ospedale e si reca a casa del direttore per parlargli di persona. Galvan gli dice che deve controllare i suoi impulsi e rispettare il sistema ospedaliero, anche se riconosce che ha agito così solo per salvare una vita e non per mania di protagonismo.



4. Nel frattempo in ospedale si tiene un consiglio nel quale tutti i convocati esprimono il proprio parere. Tutti comunicano al medico che Riccardo ha agito per il bene del paziente e che Fajardo ha sbagliato la diagnosi rischiando di far morire quell'uomo.
Marta rientra a casa e vede uscire Riccardo dalla camera di suo padre. La ragazza è sorpresa e crede che il giovane la stia perseguitando. Riccardo si comporta come al suo solito e le dice che è molto bella e che prova una forte attrazione per lei. Marta lo allontana infastidita mascherando il fatto che anche lei si sente attratta dal futuro medico.
Riccardo torna all'ospedale e il dott. Bermudez lo porta in direzione per parlare con lui e gli dice che non c'è posto per l'irresponsabilità e che deve lavorare con maggiore serietà.
Intanto Giulia, sempre più infastidita dalla presenza di Marta all'ospedale, affronta la ragazza e la prega di lasciare in pace il suo fidanzato. Marta si difende e le chiarisce che lei non ha bisogno di civettare per conquistare un uomo, tanto meno se si tratta di uno già impegnato.
Riccardo ascolta la conversazione e poi, appena Giulia è andata via, si avvicina a Marta continuando a farle la corte e poi a chiamarla a casa.
Marta inizia ad ammettere a se stessa che prova qualcosa per Riccardo e quest'ultimo comincia a pensare di non provare amore ma solo un grande affetto per Giulia, con la quale è fidanzato da molto tempo, e confessa al suo amico e collega Carlos di essere innamorato della figlia del direttore.
Celia, intanto, nota l'interesse di Marta per Riccardo e ne parla con il patrigno, il quale più tardi consiglia alla figlia di lasciar perdere il giovane per non compromettere la sua relazione con Giulia.
Riccardo, però, continua a seguirla in ospedale e a telefonarla, e un giorno le dice di amarla, lasciandola senza parole.



5. Arriva il giorno della laurea dei tirocinanti e quindi anche di Riccardo. Alla festa partecipano i medici e gli infermieri dell'ospedale e il direttore arriva insieme a sua figlia Marta, vestita in modo elegante e ancora più bella del solito.
Dopo la festa, però, succede qualcosa di terribile: Riccardo ha un incidente con la moto e viene ricoverato d'urgenza in ospedale. Le sue condizioni sono gravissime.
Dall'altra parte, però, il dott. Galvan, che si trova in casa sua, viene colpito da un infarto e, quando arriva in ospedale con l'ambulanza, i medici sono costretti a farlo trasferire in un'altra struttura perché l'unica attrezzatura cardiologica presente nel reparto serve a Riccardo che sta lottando tra la vita e la morte.
Durante il trasferimento nell'altro ospedale, il dott. Galvan non sopravvive e Marta, distrutta dal dolore, ascolta la conversazione di un'infermiera che rivela ad una sua collega che se Riccardo non fosse stato ricoverato in terapia intensiva, il direttore dell'ospedale si sarebbe salvato.


6. Riccardo si riprende dopo l'incidente ma viene a conoscenza del fatto che il dott. Galvan è morto poiché non è stato possibile ricoverarlo nello stesso ospedale, e che quindi a causa della sua irresponsabilità ha provocato involontariamente la morte della persona che ha sempre creduto in lui, nonché il padre della donna che ama.
Marta, intanto, entra in depressione e non ha voglia di far nulla. Ernesto cerca di consolarla ma la ragazza sta male sia per la perdita di suo padre, che non sapeva nemmeno fosse malato, sia per il fatto che era stato proprio lui a donare quell'attrezzatura all'ospedale, ma che paradossalmente non era servita a salvargli la vita, poiché i medici la stavano usando per Riccardo Contreras.
Quest'ultimo vorrebbe parlare con lei e chiarire quanto accaduto la notte dell'incidente ma Carlos, suo collega, cerca di fargli capire che deve dimenticarsi di lei.
Riccardo non vuole sentire ragioni e lascia l'ospedale senza essere stato dimesso, dopo di che va a trovare Marta a casa dichiarandole tutto il suo amore.
La giovane lo respinge e gli chiede di andare via e di non farsi rivedere mai più. Ernesto interviene invitandolo a lasciare l'appartamento senza fare scenate.
Riccardo chiede scusa a Marta e le chiede perdono sperando che possa capire che non può attribuirgli la colpa della morte di suo padre.



7. Nel frattempo, i medici e gli infermieri, sono in ansia perché non sanno dove sia finito Riccardo. Poco dopo il giovane rientra in ospedale ma è molto debole e viene subito ricoverato.
Intanto Ernesto viene a sapere dalla madre che il dott. Galvan non era così ricco come tutti credevano poiché aveva speso tutto ciò che aveva per il suo ospedale, e che quindi Marta avrà bisogno di aiuto poiché non riceverà alcuna eredità in grado di permetterle di mantenersi.
Agustìn ascolta Riccardo mentre confessa ad una volontaria, Lucia Perez (Rosario Prieto), di essere innamorato di Marta Galvan e lo riferisce a Giulia, la quale non vuole credere di essere stata usata dall'uomo che ama. 
Dopo l'incidente e i problemi causati da Riccardo, il posto di interno che il dottor Galvan gli aveva promesso viene affidato ad Agustìn Fajardo.
Come se non bastasse, Marta, ancora molto provata dalla morte del padre, riceve la notizia da Paulina che l'ipoteca sulla casa è scaduta e che suo padre l'ha lasciata in mezzo ad una strada insieme a Celia.
Paulina si offre di ospitarla nell'attesa che la giovane trovi una sistemazione. Celia va su tutte le furie perché non vuole vivere sotto lo stesso tetto di Ernesto, giovane che Marta disprezza ma che lei ama profondamente.



8. Riccardo, intanto, promette a Giulia di sposarla dopo che quest'ultima ha minacciato di lasciarlo, ma continua a pensare a Marta.
Il giovane la ritrova il giorno dopo in ospedale e, pur avendo ufficializzato la sua unione con Giulia, dichiara ancora una volta tutto il suo amore alla ragazza.
Dopo essere stato sostituito da Fajardo, Riccardo torna a casa della madre Eleonora, ma non viene accolto volentieri dal fratello, da sempre geloso di lui.
Riccardo confessa alla madre di essersi innamorato di un'altra ragazza, la figlia del direttore recentemente scomparso. Eleonora rimane sorpresa e gli dice che nella sua famiglia si rispettano i giuramenti e che quindi, se ha promesso a Giulia di sposarla, deve mantenere la promessa.



9. Marta organizza una mostra dedicata a suo padre e Riccardo lo viene a sapere e invia dei fiori a casa della giovane augurandole buona fortuna.
Dopo la mostra Marta si reca nel parcheggio per prendere la sua auto, quando arriva Riccardo ed entra insieme a lei mettendosi alla guida. La giovane crede che sia impazzito e gli chiede di fermarsi immediatamente.
Riccardo le dice che non si fermerà finché non le avrà detto tutto ciò che prova e finché lei non lo avrà perdonato.
Marta, furiosa, prende in mano il volante e provoca inevitabilmente un incidente. Riccardo non subisce traumi, mentre Marta perde conoscenza...





CONTINUA..

2 commenti:

  1. Che bella telenovela. Grazie per la trama. Leggerla è stato come riviverla. Grazie infinite

    RispondiElimina